NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

SPERANZA: una testimonianza


Anche noi abbiamo vissuto il terribile dramma del terremoto del 6 aprile con tutto il suo carico di dolore, paura e smarrimento reso tutto più acuto dalla morte della nostra amata Abbadessa Maria Gemma Antonucci, per noi davvero Madre che ci ha generato nella fede e vera sorella. Quanto ci manca la sua presenza, la sua guida, il suo sorriso! La sua vita, ora in Dio così tanto amato ci è sembrata come l’offerta di un chicco di frumento messo sotto terra perché porti molto frutto.

Pochi secondi per distruggere tutto: il Monastero, la Chiesa ma ciò che non si è distrutta ma anzi ne esce rafforzata è la speranza in Dio che ci fa sentire figlie amate e custodite. Siamo vive per miracolo. Chi ha visto il Monastero nel suo interno, come i Vigili del fuoco, nostri angeli custodi, continuano a dire: ma come avete fatto ad uscire di qui!

Il dolore di aver perso tutto, di aver perso la nostra Madre, di aver perso amici, ci ha riportato al cuore della nostra vocazione: essere Sorelle Povere di S. Chiara.

Avevamo da poche ore celebrato la Domenica delle palme, siamo entrati nel lunedì Santo, una Pasqua che tutti noi abbiamo celebrato nella carne insieme al Figlio di Dio, così vicino a tutti noi nello stesso dolore e nella stessa passione. Ma proprio perché così vicino, il “buio della notte” si è rischiarato dall’alba della resurrezione perché con Lui la morte non è l’ultima parola ma la Vita e la vita nuova che vuole donarci.

Ogni dolore ci mette sempre di fronte a due strade, sta a noi scegliere: o quella della disperazione e quella dell’opportunità che si fa speranza perché sperare è vivere, è dare un senso al presente, è camminare, è avere ragioni per andare avanti.

Sperare è vivere totalmente abbandonati nelle mani di Dio e questa si fa una forza che è potente come un vulcano, si fa come una sorgente segreta che zampilla nel cuore.

La speranza cristiana che ha come punto d’inizio e di fine Gesù Cristo è la fiducia incrollabile che Dio non ci farà mancare in nessun momento gli aiuti necessari nelle difficoltà in cui ci troviamo e lo abbiamo sperimentato concretamente fin dal primo giorno noi e tutti i fratelli terremotati nella solidarietà di tantissimi che si sono affiancati al nostro dolore con la carità e il sostegno della preghiera.

Tutto questo si fa per noi gratitudine a tutti voi e a Dio che muove il cuore degli uomini facendone uscire la parte più bella.

Francesco e Chiara d’Assisi cantavano la bellezza della povertà scelta e non subita. Ai poveri, amici di Dio, non è risparmiato il dolore ma c’è in essi un segreto che fa mantenere sempre accesa una luce ed è proprio la speranza perché i poveri mangiano ogni giorno dalla stessa mano di Dio che li nutre, li custodisce e li protegge.

Solo i poveri sperano per tutti noi come solo i santi amano ed espiano per tutti noi.

Quest’esperienza del terremoto la penso come all’esperienza d’Israele nel deserto. E’ un’esperienza dura, faticosa eppure è nel deserto che Israele fa l’esperienza dell’incontro con Dio vivo e vero purificandolo da ogni falso idolo.

Com’è scritto nel libro del Deuteronomio: “Il Signore trovò Israele nel deserto, nella solitudine ululante di una steppa; lo circondò con amore, ne ebbe cura, lo custodì come pupilla del suo occhio. Come un’aquila che veglia sul suo nido.” Così è Dio. Tu sei custode, tu sei protettore, tu sei speranza! Così invoca Dio il Padre S. Francesco.

C’è un tempo per ogni cosa, afferma il libro dell’Ecclesiastico: tempo per nascere e tempo per morire, tempo di piangere e tempo di ridere, tempo di tacere e tempo di parlare (3,1). C’è un tempo anche per sperare e questo tempo è venuto. Adesso è tempo di sperare: tempo di sperare per tutti perché sono tanti oggi ad assaporare l’angoscia del deserto e dipende per molta parte da noi, se udranno la voce di Dio vivo. Credo che molte cose ci saranno perdonate ma di una cosa ci si chiederà conto se avremo o no saputo tenere viva la speranza nel cuore del mondo, nel cuore della Chiesa, la speranza in questa nostra terra che trema di disperazione nelle sue profondità. Quanti crolli ben più gravi delle case, crolli nel cuore degli uomini per difetto di speranza!

Sì è tempo di sostenere con cuore di povero, ancorato a Cristo, la speranza universale. E’ crollato tutto, i nostri cari sono in paradiso ma forse per questo non siamo più nelle mani di Dio, forse l’ombra delle sue ali ha smesso di coprirci? O non piuttosto egli ora esige anche da noi un salto nel vuoto, un abbandono senza limiti a un disegno misterioso che crediamo nella fede, porterà salvezza e benedizione?

Da qui sgorga nel cuore una preghiera:

Signore mi fido di te, Signore spero in te! Sei tu che tieni in pugno le mie sorti. Fammi cantare in cuore la speranza, la speranza per tutti. Dovremmo essere proprio noi, noi tutti qui presenti a cantare per il popolo di Dio il Cantico d’Isaia 26: “ Abbiamo una città forte! Aprite le porte! Entri il popolo che si mantiene fedele e a Dio si affida… Sperate in Dio sempre! Sempre, perché Dio è roccaforte nei secoli!

Nelle nostre mani, purché ne vogliamo usare, è tutta la forza dei poveri, quella forza che ha costretto Dio a piegarsi su Maria, Francesco, Chiara e su tutti i santi, a curvarsi sulla loro povertà, sul loro silenzio denso di attesa e di fiducia.

Donaci un cuore di poveri, Signore! e allarga i confini della nostra capacità di sperare, perché in noi possa pulsare l’attesa e la speranza dell’Abruzzo e di tutti i popoli! A te Padre, nella forza dello Spirito, te lo chiediamo per il nostro Signore Gesù Cristo, Amore povero e speranza che non delude. Amen!

Il Nostro Indirizzo

Monastero S. Chiara
Via S. Bartolomeo, 6
67016 Paganica (AQ)
Tel. 0862 680529

Le Nostre Coordinate per un Aiuto

Codice IBAN: IT62I0538703616000000061551
Banca Popolare dell'Emilia Romagna
Intestato al Monastero S. Chiara
Via S. Bartolomeo, 6 - 67016 Paganica

Per versamenti internazionali: BIC (codice swift) BPMOIT22XXX

Conto Corrente Postale: 17740671

dp-team.eu
a>